Un laboratorio vivente per la mobilità aerea urbana

mobilità

Le dimostrazioni di droni presso il High Tech Campus Eindhoven (HTCE) nei Paesi Bassi stanno contribuendo a promuovere la mobilità aerea urbana (UAM) in Europa. Essendo uno dei primi laboratori viventi per i droni autonomi nell’UE, le dimostrazioni di Eindhoven aiutano ad aprire la strada alle future città intelligenti in cui la consegna di prodotti e servizi è più veloce, più sicura e più efficiente.

HTCE è uno dei partner del consorzio del progetto FF2020 finanziato dall’UE che sta sviluppando un ecosistema UAM geospaziale all’avanguardia incorporando UAM all’interno dell’infrastruttura di dati geospaziali delle città. Oltre a Eindhoven, le soluzioni di FF2020 saranno testate in altri quattro living labs durante il progetto: Milano (Italia), Oulu (Finlandia), Tartu (Estonia) e Saragozza (Spagna).

Il responsabile dell’innovazione di HTCE, Paul van Son, parla della loro partecipazione al progetto in una notizia pubblicata su ‘UASweekly.com’: “Come campus, creiamo l’ambiente perfetto per l’innovazione sia per i nostri residenti che per i nostri fornitori. Con il progetto Flying Forward 2020, sviluppiamo entrambi: un laboratorio vivente per le aziende high-tech legate all’industria dei droni, e un ambiente pilota per i nostri fornitori per sperimentare l’uso di droni per i servizi che forniscono nel campus. Oltre a questo, ci aiuta a creare l’infrastruttura digitale necessaria per lo sviluppo di applicazioni web spaziali [sic], un abilitatore per i futuri sviluppi del Metaverso“.

Le operazioni dei droni alla HTCE sono iniziate a marzo e continueranno fino alla fine di settembre 2022. I cinque casi d’uso testati nel campus si concentrano sul supporto alla sicurezza, l’ispezione degli edifici, la consegna dei pasti, la spedizione espressa e la consegna di emergenza del defibrillatore esterno automatico (DAE).

Come riportato nella notizia, le dimostrazioni di sicurezza (il primo caso d’uso) coinvolgono l’uso di droni per la sorveglianza del campus per assistere il personale di sicurezza. Nel secondo caso d’uso, i droni saranno la scansione e l’ispezione degli edifici per valutare le loro condizioni. I restanti tre casi d’uso riguardano la consegna dell’ultimo miglio di beni come pasti, pacchetti e DAE alla parte rurale del campus.

HTCE è il primo laboratorio vivente in questo progetto di ricerca e innovazione per eseguire test e dimostrazioni. È anche uno dei primi siti in Europa che sta sperimentando la mobilità aerea urbana e sperimentando più droni che volano autonomamente per eseguire compiti specifici”, afferma Ted van Hoof, responsabile del progetto UAM di HTCE. “A questo punto, qualsiasi conoscenza che otteniamo da questi test contribuirà a fare un passo avanti che andrà a beneficio anche di altri in questo campo. Spero che i casi d’uso nel campus aiutino a migliorare le soluzioni UAM in modo che i cittadini europei possano vedere i droni volare sopra di loro in sicurezza e il valore aggiunto di questi progressi nella loro vita quotidiana entro il prossimo decennio o giù di lì.”

FF2020 (Creating the 21st century spatial ecosystem) mostrerà i risultati raggiunti dal suo primo laboratorio vivente per la mobilità aerea in un evento che si terrà a Eindhoven nel giugno 2022. Il progetto termina nel novembre 2023.

Fonte: sito web Cordis – Commissione europea