Quarto pacchetto di sanzioni europee contro la Russia

quarto pacchetto

Come comunica una nota della Commissione, la Commissione europea ha accolto con favore l’accordo odierno del Consiglio di adottare un quarto pacchetto di misure restrittive contro la Russia in risposta alla sua aggressione contro l’Ucraina. Questo quarto pacchetto di sanzioni, sostiene la Commissione, contribuirà ulteriormente ad aumentare la pressione economica sul Cremlino e a paralizzare la sua capacità di finanziare l’invasione dell’Ucraina. Le sanzioni sono state coordinate con i partner internazionali, in particolare con gli Stati Uniti.

Le misure concordate sono le seguenti:

  • Un divieto totale di qualsiasi transazione con alcune imprese statali russe in diversi settori – il complesso militare-industriale del Cremlino.
  • Un divieto di importazione dell’UE su quei prodotti siderurgici attualmente sotto misure di salvaguardia dell’UE, pari a circa 3,3 miliardi di euro di mancate entrate da esportazione per la Russia. Quote di importazione aumentate saranno distribuite ad altri paesi terzi per compensare.
  • Un divieto di vasta portata sui nuovi investimenti nel settore energetico russo, con eccezioni limitate per l’energia nucleare civile e il trasporto di alcuni prodotti energetici verso l’UE.
  • Un divieto di esportazione dell’UE sui beni di lusso (ad esempio auto di lusso, gioielli, ecc.) per colpire direttamente le élite russe.
  • Inoltre, la lista delle persone ed entità sanzionate è stata ulteriormente ampliata per includere più oligarchi ed élite economiche legate al Cremlino, così come le aziende attive nelle aree militari e della difesa, che stanno sostenendo logisticamente e materialmente l’invasione. Ci sono anche nuovi elenchi di attori attivi nella disinformazione.
  • Il divieto del rating della Russia e delle aziende russe da parte delle agenzie di rating dell’UE e la fornitura di servizi di rating ai clienti russi, che li porterebbe a perdere ulteriormente l’accesso ai mercati finanziari dell’UE.