Perché la COP26 è così importante? Ecco tutto quello che c’è da sapere

COP26

Questo novembre, aspettatevi di vedere un titolo dopo l’altro incentrato sulla COP26. Ci viene detto che l’evento potrebbe essere una svolta per il clima, ma prima di addentrarci in ciò che è in discussione, cerchiamo di chiarire le basi. Cos’è la COP26? Chi ci sarà? E perché è così importante?

Prima di tutto, cos’è la COP?

La COP è la conferenza annuale delle Nazioni Unite sul clima. Ogni anno, i negoziatori che rappresentano quasi tutti i paesi del mondo si incontrano per concordare l’approccio globale per combattere il cambiamento climatico. Quest’anno è la COP26, tenuta a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre (almeno ufficialmente; i negoziati potrebbero durare di più).

Ok – ma per cosa sta “COP”?

Conferenza delle parti. Stiamo parlando di paesi che sono ‘parti’ della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici – o UNFCCC se sei un fan degli acronimi.

E che dire di ’26’?

È perché Glasgow è la ventiseiesima edizione della COP dell’UNFCCC. Il Summit della Terra di Rio del 1992 ha richiesto incontri regolari per prevenire e controllare il cambiamento climatico, e il primo si è tenuto a Berlino nel 1995. Da allora, c’è stata una COP quasi ogni anno.

Ma se avvengono ogni anno, perché questa è così importante?

Lo scopo di ogni COP è di valutare i progressi fatti dai paesi di tutto il mondo nell’affrontare il cambiamento climatico. Tuttavia, una volta ogni cinque anni, c’è una specie di “super-COP” dove i paesi si incontrano per aggiornare i loro piani nazionali per riflettere le ultime scoperte scientifiche sul clima e prendere decisioni chiave sulle azioni da intraprendere.

L’ultima COP di questo tipo ha avuto luogo nel 2015 e ha portato alla creazione dell’Accordo di Parigi, che ha impegnato i paesi a mantenere l’aumento della temperatura mondiale ben al di sotto dei 2°C entro la fine del secolo, e idealmente a limitarlo a 1,5°C sopra i livelli preindustriali.

Quella del 2021 è la prima COP decisionale da allora (c’è stata una pausa di un anno nel 2020 a causa del Covid-19). È ampiamente considerato come la nostra ultima possibilità di concordare politiche che possano mettere sotto controllo il cambiamento climatico prima che sia troppo tardi.

C’è molto in gioco quest’anno, allora. Chi ci sarà?

In parole povere, i rappresentanti di quasi tutti i paesi del mondo. Ci sono 197 parti coinvolte. Questo include tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite e l’Unione Europea.

Di solito, i leader mondiali non partecipano alla COP – mandano rappresentanti che vanno dai ministri dell’ambiente o del clima agli esperti scientifici. Tuttavia, dato che quest’anno è così importante, la presidenza della COP ha organizzato un summit dei leader mondiali all’inizio della conferenza, e ci si aspetta che molti leader partecipino. Potreste anche avvistare altri volti famosi, tra cui celebrità o reali.

E naturalmente, ci saranno anche centinaia di organizzatori di eventi, ONG, ricercatori e media sul posto.

Ok, ci sono molte persone di alto profilo che partecipano, ma di cosa discuteranno effettivamente?

Alla COP21 di Parigi nel 2015, i paesi hanno concordato obiettivi nazionali individuali per ridurre le emissioni di gas serra al fine di raggiungere l’obiettivo di limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C. Questi sono conosciuti come “contributi nazionali determinati” o NDC. Tuttavia, gli NDC fissati nel 2015 sono considerati dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente molto al di sotto dei livelli necessari per raggiungere l’obiettivo dell’accordo di Parigi.

Ora devono essere stabiliti nuovi NDC – quelli che porteranno a zero emissioni nette globali entro il 2050.

Aspetta – cosa significa?

Emissioni nette zero di gas serra significa che rimuoveremmo dalla nostra atmosfera la stessa quantità di carbonio che emettiamo. Un mondo a zero netto vedrebbe la fine della maggior parte dei processi che emettono gas serra, come bruciare combustibili fossili per l’energia. Le emissioni rimanenti verrebbero assorbite da “pozzi di carbonio” naturali come le foreste e gli oceani sani, o attraverso tecnologie di cattura del carbonio.

È l’unico modo per costruire un pianeta sostenibile e abitabile per le generazioni a venire. Inoltre, le decisioni che prendiamo oggi – sia ad un alto livello al COP26, o una scelta quotidiana come guidare meno e andare di più in bicicletta – contribuiranno a rendere questo futuro a zero emissioni una realtà.

Quindi, l’obiettivo è ridurre la quantità di emissioni che generiamo?

In parte, sì. Ma c’è di più – la COP26 non riguarda solo gli NDC e la rete zero globale. Un altro tema caldo è l’aumento dei finanziamenti per i paesi in via di sviluppo per aiutarli a combattere il cambiamento climatico.

Alla COP del 2009, i paesi sviluppati si sono impegnati a fornire 100 miliardi di dollari (circa 86 miliardi di euro) ogni anno entro il 2020 per aiutare i paesi più poveri ad affrontare le conseguenze del cambiamento climatico e ridurre le loro emissioni. Ai paesi sviluppati viene ora chiesto di mantenere questa promessa.

L’UE vuole anche portare più attenzione all’adattamento climatico facendo di più per proteggere e ripristinare gli habitat naturali come le paludi e le foreste, e rafforzare le nostre difese contro gli effetti del cambiamento climatico. Adattamento significa anche prepararsi ad eventi meteorologici estremi – come inondazioni, ondate di calore o incendi boschivi – e questo include la valutazione del rischio di un disastro, assicurando individui, proprietà, aziende e paesi contro di esso, e fornendo soccorso umanitario e recupero se un disastro dovesse colpire.

È chiaramente un grande evento politico. Sono coinvolti anche gli scienziati?

Sì, naturalmente. Le Nazioni Unite hanno il loro organismo, l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), che fornisce il background scientifico ai negoziati della COP ed è composto da scienziati di tutto il mondo. Quest’estate, l’IPCC ha rilasciato un nuovo rapporto che dimostra che il mondo è attualmente impostato per un aumento della temperatura globale di più di 1,5°C, e solo una forte riduzione dei gas a effetto serra potrà evitare un disastro climatico.

Quindi, cosa possiamo aspettarci dalla COP26?

Abbiamo bisogno di vedere i paesi concordare nuovi e più severi NDC che possano raggiungere sia lo zero netto che mantenere il riscaldamento globale al di sotto della soglia cruciale di 1,5°C.

Ma ci sono molti altri risultati che possiamo sperare di vedere, tra cui rendere la conservazione degli habitat naturali una priorità, aumentare gli sforzi per fermare la deforestazione, aumentare gli investimenti nelle energie rinnovabili in modo da poter ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili, e trovare modi nuovi e migliori per finanziare l’azione sia per prevenire il cambiamento climatico che per aiutare la nostra società ad adattarsi alle temperature in aumento.

Posso avere un ruolo?

I negoziati della COP26 si stanno svolgendo tra i leader mondiali, ma tu puoi ancora avere un ruolo nel prendere posizione contro il cambiamento climatico.

Assapora l’azione iscrivendoti agli oltre 150 diversi eventi collaterali che l’UE sta ospitando alla COP26 – quest’anno puoi guardare comodamente da casa tua.


È anche il momento perfetto per entrare a far parte del movimento paneuropeo di persone che vogliono fare qualcosa per il cambiamento climatico aderendo al Patto Europeo per il Clima per impegnarsi a fare uno (o più) cambiamenti nella tua vita quotidiana. Da piccoli cambiamenti come mangiare meno carne, a trasformazioni più grandi come rendere più verde il tuo denaro – ci sono un sacco di idee facili da realizzare che possono fare la differenza.

Articolo Pubblicato da European Union, tradotto dalla redazione di Progeu