L’impegno della Commissione europa contro la violenza sulle donne

violenza di genere

Nella giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, i commissari europei uniscono le loro voci per dare eco alle storie tratte dall’opera teatrale di Eve Ensler I monologhi della vagina

La Commissione europea e l’Alto Rappresentante/Vice Presidente, Josep Borrell, hanno inoltre rilasciato la seguente dichiarazione:

“La violenza contro le donne e le ragazze è una violazione pervasiva dei diritti umani.

In Europa, una donna su tre di 15 anni o più ha riferito di aver subito una qualche forma di violenza fisica e/o sessuale. Una donna su 10 ha riferito di essere stata vittima di una qualche forma di violenza sessuale, e una su 20 è stata violentata. Poco più di una donna su cinque ha subito violenza fisica e/o sessuale da un partner attuale o precedente, mentre il 43% delle donne ha subito una qualche forma di comportamento psicologicamente abusivo e/o di controllo durante una relazione.

La violenza domestica era una “pandemia ombra” già prima che scoppiasse COVID-19. Durante la pandemia COVID-19, i casi di violenza domestica sono aumentati, portando all’attenzione di tutti che per molte donne e ragazze la casa non è un luogo sicuro. La portata del problema rimane allarmante. La visione di un’Europa in cui donne e uomini, ragazze e ragazzi, in tutta la loro diversità, siano liberi dalla violenza e dagli stereotipi e abbiano l’opportunità di prosperare e di comandare – questa è la base della Strategia dell’UE per la parità di genere 2020-2025.

La violenza informatica basata sul genere si sta diffondendo rapidamente. Un fenomeno relativamente nuovo è sperimentato da tutte le donne, anche se le donne visibili nella vita pubblica, come giornalisti e politici, sperimentano la violenza informatica di genere in modo sproporzionato, che può influenzare il processo decisionale democratico: non osano esprimere opinioni politiche per paura di essere prese di mira online.

Nel corso dell’anno, abbiamo anche assistito a sviluppi preoccupanti che minacciano le donne e le ragazze in tutto il mondo. A marzo, il governo turco ha deciso di ritirarsi dalla Convenzione di Istanbul, generando una reazione risoluta da parte delle donne in Turchia e fuori, che si sono riversate nelle strade per protestare. Da giugno, gli eventi in corso in Afghanistan minacciano i diritti delle donne e delle ragazze afgane, molte delle quali rimangono a rischio a causa del loro lavoro, degli studi, delle attività e delle loro opinioni. L’uso della violenza sessuale come arma di guerra e la relativa impunità nel Tigray, in Etiopia, e nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo (RDC) continuano, senza fine in vista. Questi sono solo alcuni esempi. Condanniamo e chiediamo la fine della violenza contro le donne ovunque, anche in situazioni di conflitto.

Il progresso è possibile e dobbiamo continuare a lavorare insieme instancabilmente per ottenere di più. La Commissione proporrà di estendere la lista dei “crimini dell’UE” per coprire i discorsi e i crimini d’odio. Questo permetterà all’UE di poter criminalizzare i discorsi d’odio basati sul genere e i crimini d’odio. Proporremo anche una nuova legislazione per prevenire e combattere la violenza contro le donne e la violenza domestica. Proporrà misure concrete per prevenire tale violenza, anche quando è perpetrata online, per proteggere e sostenere le vittime, migliorare il loro accesso alla giustizia, e garantire un migliore coordinamento tra le autorità competenti.

Continueremo con l’iniziativa Spotlight dell’UE e delle Nazioni Unite che ha aiutato 650.000 donne e ragazze in tutto il mondo e le ha protette o ha prevenuto la violenza contro di loro, ha educato 880.000 uomini e ragazzi sulla mascolinità positiva, sulla risoluzione non violenta dei conflitti e sulla genitorialità, e ha contribuito alla firma o al rafforzamento di 84 leggi e politiche nazionali per combattere la violenza di genere.

Stiamo intensificando la nostra azione e l’appello agli altri per un impegno e una collaborazione continui.

Rendiamo l’Europa e il resto del mondo sicuri per tutte le donne e le ragazze”.