La Commissione ha presentato un piano d’azione per promuovere l’economia sociale

economia sociale

Al fine di supportare con efficacia l’economia sociale europea, La Commissione ha presentato ieri un piano d’azione per sfruttarne “il potenziale economico e occupazionale, nonché il contributo a una ripresa equa e inclusiva e alle transizioni verde e digitale”.

In Unione Europea si contano 2.8 milioni di soggetti dell’economia sociale per 13.6 milioni di lavoratori. Al primo posto degli obiettivi delle organizzazioni dell’economia sociale ci sono le questioni sociali e ambientali. In questo campo, i soggetti dell’economia sociale si adoperano per trovare soluzioni alle sfide che più premono la nostra società. La nota della commissione spiega che sostenere questo tipo di attività non serve soltanto a creare nuovi posti di lavoro, ma permette anche di accrescere l’impatto sociale che le organizzazioni hanno in tutti i paesi membri.

La Commissione si appresta a lavorare su 3 settori principali:

  • Creare le giuste condizioni per il successo dell’economia sociale. In quest’ambito sarà fondamentale rivedere e adattare ai bisogni dell’economia sociale il quadro politico e giuridico in materia di fiscalità, appalti pubblici e disciplina degli aiuti di stato.
  • Offrire alle organizzazione dell’economia sociale opportunità per avviare ed espandere le loro attività. Lo scopo della Commissione è di fornire ai soggetti dell’economia sociale il supporto necessario per lo sviluppo dell’impresa, per quanto riguarda l’avvio e lo sviluppo delle attività e la formazione dei lavoratori. Perciò, la Commissione vuole mettere a disposizione per il periodo 2021-2027 un fondo di oltre 2.5 miliardi di euro per supportare in questo senso i soggetti dell’economia sociale.
  • Garantire il riconoscimento dell’economia sociale e del suo potenziale. In merito a questo ultimo punto, il piano d’azione aspira ad aumentare la visibilità dell’economia sociale e a rendere più riconoscibile il suo lavoro, attraverso attività di comunicazione portate avanti dalla Commissione e volte a evidenziare le specificità dell’economia sociale. Verrà dato anche avio a uno studio per raccogliere dati quantitativi e qualitativi importanti per l’analisi e la comprensione dell’economia sociale nell’UE. Tra le altre iniziative, le Commissione prevede: la formazione dei funzionari pubblici sull’economia globale, scambi transfrontalieri per promuovere questo tipo di struttura economica e l’avvio di un “percorso di transizione” per supportare la transizione verde e digitale dell’economia sociale.

Per approfondire clicca qui.