La Bulgaria istituirà la prima task force energetica dell’UE

bulgaria

Dopo l’annuncio di Gazprom di mercoledì scorso sull’interruzione delle forniture di gas alla Bulgaria, il vice primo ministro bulgaro Assen Vassilev ha avuto una serie di incontri con la Commissione.

“Come risultato degli incontri di oggi, la Commissione europea e la Bulgaria hanno concordato di istituire a Sofia una prima task force regionale, come parte della piattaforma di acquisto di energia dell’UE. Questo progetto pilota esaminerà il fabbisogno di gas ed elettricità, i prezzi e i flussi, così come gli aspetti infrastrutturali” – spiega una nota della Commissione europea – “La task force regionale si concentrerà sul prossimo anno e fornirà competenze regionali specifiche e know-how per sviluppare e attuare il piano d’azione REPowerEU per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili russi, riempire lo stoccaggio in vista del prossimo inverno e accelerare ulteriormente la decarbonizzazione del settore energetico. Inoltre, supporterà e coordinerà l’implementazione dei piani di preparazione congiunti nella regione, incluso l’acquisto internazionale, lo stoccaggio e le interconnessioni, contribuendo così alla sicurezza dell’approvvigionamento in Bulgaria, nella regione, nella comunità energetica e oltre.”

“La Bulgaria comunicherà con i paesi del suo vicinato in questa task force e organizzerà la prima riunione ministeriale il 5 maggio.” – continua la nota – “Il lavoro della task force si baserà in particolare sui preparativi della Commissione europea per una serie di scenari di interruzione dell’energia, in stretto coordinamento e solidarietà con gli Stati membri e i partner internazionali. La task force presenterà il piano REPowerEU il mese prossimo.”