Gli Eurodeputati chiedono un nuovo approccio per l’Afghanistan

parlamento europeo afghanistan

Le Commissioni Affari esteri e Sviluppo del Parlamento europeo, insieme alla delegazione per le relazioni con l’Afghanistan, hanno tenuto una riunione straordinaria congiunta questa mattina, 19 agosto, con Josep Borrell, Alto rappresentante dell’UE e vicepresidente della Commissione europea.

Le dichiarazioni dell’Alto Rappresentante dell’Ue e Vicepresidente della Commissione Europea

Josep Borrell ha dichiarato che la situazione in Afghanistan “è una catastrofe” per gli afgani e per l’Occidente. “La mia priorità immediata è di portare in Europa le persone che hanno lavorato con l’UE”. Ha annunciato che 106 persone afgane che lavorano per le istituzioni dell’UE sono già state evacuate a Madrid. Altri 300 stanno lottando per raggiungere l’aeroporto di Kabul, il tratto più difficile della fuga, ha detto. “Abbiamo il dovere morale di sostenerli” nel lasciare l’Afghanistan. Ha anche affermato che “l’UE è pronta a discutere di aiuti umanitari con i talebani”, ma ha sottolineato che “questo non significa che il regime sia stato riconosciuto politicamente“.

Parlando della prospettiva a lungo termine, Borrell ha detto che “ci sono lezioni da imparare dal fallimento di questa operazione di nation building. Gli Stati Uniti hanno speso 300 milioni di dollari al giorno per 20 anni, alla fine con risultati molto modesti”, aggiungendo che gli Stati Uniti ora si chiedono se il nation building sia mai stato l’obiettivo.

Le reazioni degli Eurodeputati

Nelle loro reazioni, la maggior parte dei deputati ha chiesto il salvataggio dei cittadini afgani che hanno lavorato per l’UE o che hanno lavorato per promuovere i valori condivisi. Hanno anche chiesto di aiutare i paesi vicini all’Afghanistan che potrebbero ricevere un grande afflusso di rifugiati, e di sostenere i paesi dell’UE che potrebbero dover accogliere nuovi rifugiati.

Molti oratori hanno sottolineato la necessità di rivedere i fallimenti di un intervento durato due decenni, il potenziale di una nuova minaccia terroristica sotto un regime talebano, e la necessità di sviluppare una politica coordinata dell’UE nei confronti dell’Afghanistan, dell’Asia centrale e delle potenze regionali che vi operano.

Abbiamo bisogno di un nuovo approccio per l’Afghanistan, poiché nuovi attori cercheranno di riempire il vuoto politico nel paese”, ha detto David McAllister, presidente della Commissione per gli Affari esteri, indicando in particolare la Russia e la Cina. Nell’attuale situazione molto preoccupante, l’azione umanitaria dovrebbe essere la priorità assoluta dell’UE, ha aggiunto.

I nuovi leader afgani devono rispettare il diritto umanitario internazionale e garantire l’accesso umanitario in tutto il paese”. La violenza, la siccità e il COVID-19 hanno già portato 18 milioni di persone, quasi la metà della popolazione dell’Afghanistan, ad avere bisogno di assistenza umanitaria. Ci sono anche quasi quattro milioni di persone sfollate internamente e che vivono in condizioni precarie. Questi numeri sono destinati ad aumentare, quindi è essenziale che la comunità internazionale continui a sostenere la popolazione afgana e che i leader talebani garantiscano che gli attori locali e internazionali che sostengono la popolazione possano continuare a svolgere le loro attività in sicurezza”, ha dichiarato Tomas Tobé, presidente della Commissione per lo Sviluppo.

“Chiedo alle istituzioni dell’UE di aumentare gli sforzi di coordinamento per evacuare i residenti dell’UE e i nostri associati afgani da Kabul. Abbiamo bisogno di un’azione coordinata congiunta a livello di Unione europea per un’evacuazione sicura e adeguata“, ha dichiarato Petras Auštrevičius, presidente della delegazione per le relazioni con l’Afghanistan.