Giustizia

[et_pb_section bb_built=”1″ admin_label=”section”][et_pb_row background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” background_size=”initial”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text background_layout=”light” text_orientation=”justified” use_border_color=”off” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” background_size=”initial” _builder_version=”3.0.105″]

Obiettivi:

Il Programma Giustizia 2014-2020 sostiene l’impegno della Commissione per la costruzione di un efficace spazio europeo di giustizia, concentrandosi su attività caratterizzate da un maggior valore aggiunto a livello di Unione.
il programma fornisce quindi il sostegno all’applicazione efficace della normativa UE nei settori della:

  • cooperazione giudiziaria in materia civile e penale,
  • contrasto al traffico di droga e altri illeciti connessi alla droga.

Esso contribuisce a garantire un adeguato accesso alla giustizia in Europa, sia per i cittadini che per le imprese nei contenziosi transfrontalieri
L’obiettivo generale del programma è contribuire all’ulteriore sviluppo di uno spazio europeo di giustizia basato sul riconoscimento reciproco e la fiducia reciproca, in particolare attraverso la promozione della cooperazione giudiziaria in materia civile e penale.

Gli obiettivi specifici sono:

  • facilitare e sostenere la cooperazione giudiziaria in materia civile e penale;
  • sostenere e promuovere la formazione giudiziaria, compresa la formazione linguistica sulla terminologia giuridica, al fine di promuovere una cultura giuridica e giudiziaria comune;
  • facilitare l’accesso effettivo alla giustizia per tutti, e promuovere e sostenere i diritti delle vittime della criminalità, rispettando i diritti della difesa;
  • sostenere iniziative, nell’ambito della politica in materia di droga, sugli aspetti della cooperazione giudiziaria e della prevenzione della criminalità strettamente connessi all’obiettivo generale del programma, nella misura in cui non sono contemplati dallo strumento per il sostegno finanziario per la cooperazione di polizia, la prevenzione e la lotta alla criminalità e la gestione delle crisi, quale parte del Fondo Sicurezza interna o dal programma “Salute per la crescita”;

Gli obiettivi specifici del programma sono perseguiti provvedendo, in particolare, a:

  • incrementare la consapevolezza e conoscenza del diritto e delle politiche dell’Unione da parte dell’opinione pubblica;
  • migliorare la conoscenza del diritto dell’Unione, comprese le norme sostanziali e procedurali, gli strumenti di cooperazione giudiziaria e la pertinente giurisprudenza della Corte di giustizia dell’Unione europea, nonché il diritto comparato, al fine di garantire un’efficace cooperazione giudiziaria in materia civile e penale;
  • sostenere l’attuazione e l’applicazione efficaci, completi e coerenti degli strumenti dell’Unione negli Stati membri nonché il loro monitoraggio e la loro valutazione;
  • promuovere la cooperazione transfrontaliera, migliorare la conoscenza e la comprensione reciproche del diritto civile e penale, nonché dei sistemi giuridici e giudiziari degli Stati membri e rafforzare la fiducia reciproca;
  • migliorare la conoscenza e la comprensione dei potenziali ostacoli al buon funzionamento di uno spazio europeo di giustizia;
  • migliorare l’efficacia dei sistemi giudiziari e la loro cooperazione attraverso le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, compresa l’interoperabilità transfrontaliera dei sistemi e delle applicazioni.

Azioni:

Il Programma finanzierà i seguenti tipi di azione:

  • attività di analisi, come la raccolta di dati e statistiche; l’elaborazione di metodologie e, se del caso, di indicatori o criteri di riferimento comuni; studi, ricerche, analisi e indagini; valutazioni; l’elaborazione e la pubblicazione di guide, relazioni e materiale didattico; convegni, seminari, riunioni di esperti e conferenze;
  • attività di formazione, come scambi di personale, convegni, seminari, eventi di formazione per formatori, comprese attività di formazione linguistica sulla terminologia giuridica e lo sviluppo di moduli di formazione in linea o di moduli di formazione di altro tipo per i membri della magistratura e gli operatori giudiziari;
  • attività di apprendimento reciproco, cooperazione, sensibilizzazione e divulgazione, quali l’individuazione e lo scambio di buone prassi nonché di approcci ed esperienze innovativi; l’organizzazione di valutazioni a pari livello e di apprendimento reciproco; l’organizzazione di conferenze, seminari, campagne d’informazione, compresa la comunicazione istituzionale delle priorità politiche dell’Unione nella misura in cui si riferiscono agli obiettivi generali del programma; la raccolta e la pubblicazione di materiali al fine di divulgare informazioni relative al programma e ai suoi risultati; lo sviluppo, la gestione e l’aggiornamento di sistemi e strumenti che utilizzano le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, compreso l’ulteriore sviluppo del portale europeo della giustizia elettronica quale strumento per migliorare l’accesso degli cittadini alla giustizia;
  • sostegno ai principali attori le cui attività contribuiscono all’attuazione degli obiettivi del programma, come il sostegno agli Stati membri nella fase di attuazione del diritto e delle politiche dell’Unione, il sostegno a importanti attori europei e a reti di livello europeo, anche nel campo della formazione giudiziaria; e sostegno al lavoro di rete a livello europeo tra organi ed entità specializzati nonché tra autorità nazionali, regionali e locali ed organizzazioni non governative.

La rete europea di formazione giudiziaria riceve una sovvenzione di funzionamento destinata a cofinanziare le spese associate al suo programma di lavoro permanente.

 

Paesi partecipanti:

L’accesso al programma è aperto a tutti gli organismi e le entità aventi la propria sede legale:

  • negli Stati membri;
  • nei paesi dell’associazione europea di libero scambio (EFTA) che sono parte dell’accordo sullo Spazio economico europeo, conformemente a tale accordo;
  • nei paesi candidati, potenziali candidati e in via d’adesione all’Unione, conformemente ai principi e alle condizioni generali sanciti per la partecipazione di tali paesi ai programmi dell’Unione stabiliti nei rispettivi accordi quadro e decisioni del Consiglio di associazione o accordi simili.

Gli organismi e le entità a scopo di lucro hanno accesso al programma soltanto in associazione con organizzazioni senza scopo di lucro o pubbliche.

Organismi ed entità aventi la propria sede legale in paesi terzi diversi da quelli che partecipano al programma in particolare nei paesi in cui si applica la politica europea di vicinato, possono essere associati a loro spese alle azioni del programma, qualora ciò sia utile alla realizzazione di tali azioni.

La Commissione può cooperare con organizzazioni internazionali alle condizioni stabilite nel pertinente programma di lavoro annuale. L’accesso al programma è aperto alle organizzazioni internazionali attive nei settori interessati dal programma in conformità del regolamento finanziario e del pertinente programma di lavoro annuale

 

Beneficiari:

  • organismi e le entità aventi la propria sede legale in uno dei Paesi ammessi a partecipare al programma

Finanziamento:

 La dotazione finanziaria prevista è di 377,604 milioni di euro.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” background_size=”initial”][et_pb_column type=”3_4″][et_pb_text background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” background_size=”initial”]

 Azioni

Settori d’intervento:
a) sensibilizzazione e conoscenza del diritto e delle politiche dell’UE da parte dell’opinione pubblica;
b) miglioramento della conoscenza del diritto dell’UE, compresi gli strumenti di cooperazione giudiziaria, per garantire un’efficace cooperazione giudiziaria in materia civile e penale;
c) sostegno all`attuazione e all`applicazione del diritto e degli strumenti dell`UE negli Stati membri;
d) promozione della cooperazione transnazionale, miglioramento della conoscenza e comprensione reciproche dei sistemi giuridici e giudiziari degli Stati membri e rafforzamento della fiducia reciproca;
e) miglioramento della conoscenza e comprensione dei potenziali ostacoli al buon funzionamento di uno spazio europeo di giustizia;
f) miglioramento dell’efficacia e della cooperazione tra sistemi giudiziari attraverso le TIC.

Azioni finanziabili:
▫ attività di analisi; elaborazione di metodologie, di indicatori o criteri di riferimento comuni; studi, ricerche e indagini; valutazioni e valutazioni d’impatto; elaborazione e pubblicazione di guide, relazioni e materiale didattico; conferenze, seminari, riunioni di esperti.
▫ attività di formazione per magistrati e operatori della giustizia, come scambi di personale, convegni, seminari, eventi di formazione per formatori, attività di formazione linguistica sulla terminologia giuridica, sviluppo di moduli di formazione online o di altro tipo.
▫ attività di apprendimento reciproco, cooperazione, sensibilizzazione e divulgazione, quali individuazione e scambio di buone prassi, di approcci ed esperienze innovativi; organizzazione di valutazioni peer review; organizzazione di conferenze e seminari; organizzazione di campagne d’informazione, inclusa la comunicazione istituzionale delle priorità politiche dell’UE correlate agli obiettivi del programma; raccolta e pubblicazione di materiali informativi sul programma; sviluppo, gestione e aggiornamento di sistemi e strumenti che utilizzano le TIC, compreso l’ulteriore sviluppo del portale europeo della giustizia elettronica quale strumento per migliorare l’accesso dei cittadini alla giustizia.
▫ sostegno ai principali attori le cui attività contribuiscono agli obiettivi del programma, come gli Stati membri nella fase di attuazione delle norme e delle politiche dell’UE; sostegno alle reti di livello europeo, anche nel campo della formazione giudiziaria; sostegno al networking a livello europeo tra enti e organismi specializzati, nonché tra autorità nazionali, regionali e locali e ONG.

Beneficiari

Enti e organismi pertinenti, pubblici e privati, stabiliti nei seguenti Paesi: Stati UE (escluso Danimarca e Regno Unito in quanto unici Paesi UE che hanno deciso di non partecipare al programma “Giustizia”), Paesi EFTA/SEE, Paesi in via di adesione, Paesi candidati effettivi e potenziali.

Enti/organismi stabiliti in altri Paesi terzi, in particolare nei Paesi della politica europea di vicinato, possono partecipare a loro spese alle azioni del programma, qualora ciò sia utile alla realizzazione di tali azioni.

Enti e organismi a scopo di lucro possono partecipare al programma unicamente in associazione con organismi pubblici o senza scopo di lucro.

Il programma è aperto anche a organizzazioni internazionali attive nei settori coperti dal programma, quali ad esempio il Consiglio d`Europa e l`ONU.

[/et_pb_text][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_4″][et_pb_text background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” background_size=”initial”]

Scadenza:

Il programma è operativo per il periodo 1/1/2014 -31/12/2020.

 

Link utili:

Referente: Commissione europea – DG Giustizia e Consumatori

 

Documenti:

Testo del Regolamento N. 1382/2013 istitutivo del programma

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]