Credito d’imposta riconosciuto alle imprese che investono nella R&S

[et_pb_section bb_built=”1″ admin_label=”section”][et_pb_row admin_label=”row”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text background_layout=”light” text_orientation=”left” border_style=”solid” _builder_version=”3.0.59″]

La legge di stabilità del 2015 riconosce un credito d’imposta alle imprese che investono in ricerca e sviluppo a partire dal periodo di imposta successivo al 31 dicembre 2014 e fino a quello in corso al 31 dicembre 2019. La legge di bilancio del 2017 a prorogato i termini fino al periodo d’imposta 31 dicembre 2020 ed ha provveduto a potenziare il beneficio.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row][et_pb_column type=”2_3″][et_pb_text background_layout=”light” text_orientation=”left” border_style=”solid” _builder_version=”3.0.59″]

Beneficiari:
  • Imprese;
  • Imprese neo-costituite (Hanno intrapreso l’attività a partire dal 2017);
  • Consorzi e reti d’imprese;
  • Enti non commerciali (Nel caso esercitino un’attività commerciale).

 

Proposte attivabili:
  • lavori sperimentali o teorici svolti, aventi quale principale finalità l’acquisizione di nuove conoscenze sui fondamenti di fenomeni e di fatti osservabili, senza che siano previste applicazioni o usi commerciali diretti;
  • ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze, da utilizzare per mettere a punto nuovi prodotti, processi o servizi o permettere un miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti ovvero la creazione di componenti di sistemi complessi, necessaria per la ricerca industriale;
  • acquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle conoscenze e capacita’ esistenti di natura scientifica, tecnologica e commerciale allo scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati; può trattarsi anche di altre attività destinate alla definizione concettuale, alla pianificazione e alla documentazione concernenti nuovi prodotti, processi e servizi; tali attività possono comprendere l’elaborazione di progetti, disegni, piani e altra documentazione, inclusi gli studi di fattibilità, purchè non siano destinati a uso commerciale; realizzazione di prototipi utilizzabili per scopi commerciali e di progetti pilota destinati a esperimenti tecnologici o commerciali, quando il prototipo e’ necessariamente il prodotto commerciale finale e il suo costo di fabbricazione e’ troppo elevato per poterlo usare soltanto a fini di dimostrazione e di convalida;
  • produzione e collaudo di prodotti, processi e servizi, a condizione che non siano impiegati o trasformati in vista di applicazioni industriali o per finalità commerciali.

 

 

[/et_pb_text][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_3″][et_pb_text background_layout=”light” text_orientation=”left” border_style=”solid” _builder_version=”3.0.59″]

Risorse finanziabili:

Il credito di imposta è riconosciuto nella misura del 50% calcolata sulle spese sostenute in eccedenza rispetto agli investimenti sostenuti nei tre periodi d’imposta precedenti per:

  • Personale impiegato nell’attività di ricerca;
  • Contratti di ricerca;
  • Quote di ammortamento acquisizione o utilizzazione strumenti e attrezzature;
  • competenze tecniche e privative industriali.

Il credito d’imposta è riconosciuto fino ad un tetto massimo annuale di 20 milioni, a condizione che vengano effettuate spese di R&S di almeno 30 mila euro.

Scadenze:

Fino ad esaurimento fondi

Link:

[/et_pb_text][et_pb_button url_new_window=”on” button_text=”Sito di riferimento” button_alignment=”left” background_layout=”light” custom_button=”on” button_text_size=”15″ button_letter_spacing=”0″ button_icon_placement=”right” button_letter_spacing_hover=”0″ _builder_version=”3.0.59″ button_url=”http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2015-07-29&atto.codiceRedazionale=15A05898&elenco30giorni=false” /][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]