Consiglio dell’UE, approvata “Bussola strategica” per rafforzare difesa europea

bussola

“Il Consiglio ha formalmente approvato [ieri] la Bussola Strategica, in un momento in cui assistiamo al ritorno della guerra in Europa”, si legge in una nota del Consiglio dell’UE. La Bussola dà all’Unione europea un piano d’azione che mira a rafforzare la politica di sicurezza e di difesa dell’UE entro il 2030.

Il Consiglio avverte che il progetto di rafforzamento della difesa europea è “complementare alla NATO, che rimane il fondamento della difesa collettiva per i suoi membri”. La Bussola copre i vari aspetti della politica di sicurezza e di difesa ed è strutturata intorno a quattro pilastri: agire, investire, partner e proteggere.

Agire

Per essere in grado di agire rapidamente e con forza ogni volta che scoppia una crisi, l’UE ha programmato di:

  • stabilire una forte capacità di spiegamento rapido dell “Ue, fino a 5000 uomini, per diversi tipi di crisi
  • essere pronta a schierare 200 esperti di missioni Psdc completamente equipaggiati entro 30 giorni, anche in ambienti complessi
  • condurre regolarmente esercitazioni dal vivo sulla terraferma e in mare
  • migliorare la mobilità militare
  • rafforzare le missioni e le operazioni civili e militari dell’UE in ambito PSDC (Politica di Difesa e Sicurezza Comune) promuovendo un processo decisionale rapido e più flessibile, agendo in modo più robusto e garantendo una maggiore solidarietà finanziaria
  • fare pieno uso del Fondo europeo per la pace per sostenere i partner

Proteggere

Al fine di rafforzare la sua capacità di anticipare, dissuadere e rispondere alle minacce e alle sfide attuali ed emergenti, e salvaguardare gli interessi di sicurezza dell’UE, con la Bussola strategica l’UE:

  • aumenterà le sue capacità di analisi dell’intelligence
  • svilupperà il Toolbox ibrido e le squadre di risposta che riuniscono diversi strumenti per rilevare e rispondere a una vasta gamma di minacce ibride
  • svilupperà ulteriormente il Cyber Diplomatic Toolbox e istituire una politica di difesa informatica dell’UE per essere meglio preparati e rispondere ai ciberattacchi
  • svilupperà un kit di strumenti per la manipolazione e l’interferenza delle informazioni estere
  • svilupperà una strategia spaziale dell’UE per la sicurezza e la difesa
  • rafforzerà il ruolo dell’UE come attore della sicurezza marittima

Investire

Gli Stati membri si sono impegnati ad aumentare sostanzialmente le loro spese per la difesa per soddisfare la nostra ambizione collettiva di ridurre le lacune critiche di capacità militari e civili e rafforzare la nostra base industriale e tecnologica di difesa europea. Con la Bussola strategica l’UE:

  • scambierà gli obiettivi nazionali sull’aumento e il miglioramento della spesa per la difesa per soddisfare le nostre esigenze di sicurezza
  • fornirà ulteriori incentivi agli Stati membri per impegnarsi nello sviluppo collaborativo delle capacità e investire congiuntamente in strumenti strategici e capacità di prossima generazione per operare a terra, in mare, in aria, nel settore cibernetico e nello spazio esterno
  • promuoverà l’innovazione tecnologica nel settore della difesa per colmare le lacune strategiche e ridurre le dipendenze tecnologiche e industriali

Partner

Per affrontare le minacce e le sfide comuni, l’UE:

  • rafforzerà la cooperazione con partner strategici come la NATO, l’ONU e i partner regionali, tra cui l’OSCE, l’UA e l’ASEAN
  • svilupperà partenariati bilaterali più mirati con paesi che la pensano allo stesso modo e partner strategici, come Stati Uniti, Canada, Norvegia, Regno Unito, Giappone e altri
  • svilupperà partenariati su misura nei Balcani occidentali, nel nostro vicinato orientale e meridionale, in Africa, Asia e America Latina, anche attraverso il rafforzamento del dialogo e della cooperazione, la promozione della partecipazione alle missioni e alle operazioni PSDC e il sostegno allo sviluppo delle capacità