Charles Michel a Kiev: Zelenskyy, la tua leadership sta dimostrando il coraggio del popolo ucraino

Ieri sera il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel, a seguito del viaggio in Ucraina e del suo incontro con il Presidente Volodymyr Zelenskyy, ha dichiarato: “Questa mattina, sono andato a Borodyanka per testimoniare con i miei occhi la situazione sul terreno. Ho incontrato la gente. Non ci sono parole per spiegare quello che provo, non come presidente del Consiglio europeo, ma come padre, come essere umano. Queste sono atrocità. Sono crimini di guerra. Devono essere puniti. Saranno puniti. Devono pagare per quello che hanno fatto lì, e in molte altre città e altri luoghi in Ucraina.

Siamo determinati a fare tutto il possibile per sostenere l’Ucraina perché vogliamo la vittoria dell’Ucraina. Ed è per questo che useremo tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione. Naturalmente, il sostegno finanziario è molto importante. Abbiamo avuto l’opportunità di approfondire la questione con il presidente, ed è per questo che abbiamo deciso qualche settimana fa, dopo una telefonata, di lanciare questo fondo fiduciario in solidarietà con l’Ucraina. Nei prossimi giorni, il 5 maggio, sarà il punto di partenza di questo fondo fiduciario, con una conferenza internazionale dei donatori. Lo organizzeremo insieme alla Polonia, alla Svezia e con il sostegno della Commissione europea, di tutti gli stati membri e con il sostegno di molti attori internazionali.

Stiamo anche lavorando a stretto contatto con organizzazioni internazionali come il FMI, la Banca Mondiale e altri per assicurarci di poter mobilitare fondi a sostegno, in modo che l’Ucraina possa pagare le spese sociali che sono necessarie a breve, a medio e a lungo termine. È anche molto importante iniziare al più presto il programma di ricostruzione del paese. Posso assicurarvi che l’UE sarà al vostro fianco per ricostruire il vostro paese.

Oggi abbiamo discusso idee strategiche e molto interessanti, idee molto operative e concrete per accelerare il processo. Sono ottimista sul fatto che nei prossimi giorni e settimane chiariremo l’esatta natura del sostegno che saremo in grado di fornire. E per riuscire, discuteremo anche della ricostruzione del paese e degli investimenti necessari nelle infrastrutture e in diversi campi.

Il secondo argomento importante è il sostegno militare. Per la prima volta nella storia, l’UE ha deciso di fornire attrezzature militari letali. È stata una decisione presa due giorni dopo l’inizio della guerra. Lo ricordo molto bene, non lo dimenticherò mai. Perché tu, Volodymyr Zelenskyy, mi hai chiamato sabato, due giorni dopo l’inizio della guerra, e mi hai chiesto di coordinare lo sforzo per iniziare a fornire attrezzature militari. E siamo riusciti a convincere gli stati membri dell’Unione europea in poche ore a fornire attrezzature militari. Abbiamo deciso una prima tranche di 500 milioni di euro. E ora abbiamo un totale di 1,5 miliardi di euro di attrezzature militari, e giorno dopo giorno, in stretta consultazione con voi, stiamo cercando di convincere gli Stati membri ad aggiungere un sostegno bilaterale per assicurarci che ciò che forniamo sia ciò di cui avete bisogno. Abbiamo discusso molto precisamente delle vostre esigenze e di come siamo in grado di assicurare di poter fornire insieme agli Stati membri dell’UE e agli altri partner i mezzi necessari per combattere e vincere questa guerra.

Il terzo punto è il sostegno politico. E vorrei dire qui che, naturalmente, capisco e mostro pieno rispetto per la decisione libera e democratica presa dal governo dell’Ucraina. Quando avete deciso di candidarvi come membri dell’UE, abbiamo incaricato la Commissione immediatamente, in pochi giorni. Di solito, la Commissione impiega otto mesi per pubblicare un parere. Siamo in stretto contatto sulla sostanza. Avremo l’opinione della Commissione entro la fine di giugno. Poi sarà mia responsabilità valutare quando potrò mettere questo punto all’ordine del giorno del Consiglio europeo e del Consiglio, per fare in modo che ci sia la discussione politica per fare progressi su questo.

Ma voglio condividere con voi che sento un sostegno molto forte per assicurarvi che possiamo fornire un sostegno concreto all’Ucraina nella vostra scelta di seguire la strada dell’UE per il vostro futuro. E sono convinto che quello che state dimostrando giorno per giorno, questa dimostrazione che siete totalmente impegnati nei principi democratici, nelle libertà, e che non lottate solo per il futuro dei bambini dell’Ucraina, sappiamo che lottate per i principi e i valori fondamentali europei.

Siamo anche determinati a fornire un sostegno umanitario. Siamo determinati a fornire un sostegno per far sì che la giustizia internazionale e la giustizia prevalgano, perché non c’è pace senza giustizia. Ecco perché è molto importante raccogliere le prove e sostenere tutti gli attori che lavorano in questo importante campo.

Infine, abbiamo discusso le sanzioni perché capiamo che è necessario fare pressione sul regime, sul Cremlino. Abbiamo deciso molte misure concrete. Questo non è sufficiente, ed è per questo che lavoriamo costantemente per aumentare la pressione. Anche oggi, siamo andati più in dettaglio e abbiamo identificato alcuni elementi aggiuntivi così che noi si sia in grado di mettere le proposte sul tavolo del Consiglio e di mantenere la massima pressione sulla Russia.

Infine, un’ultima parola. Caro Volodymyr, ci siamo incontrati per la prima volta circa tre o quattro anni fa, e questo è stato il punto di partenza di una relazione personale basata sulla fiducia. Voglio dirti che sono e siamo estremamente colpiti dalla tua leadership personale. La sua leadership personale sta anche dimostrando il coraggio e la bravura del popolo ucraino. Lei non è solo. Noi siamo con voi. E faremo tutto il possibile per sostenervi e per assicurarci che l’Ucraina vinca la guerra. Grazie.”