25 novembre: un incontro per parlare della violenza di genere ai tempi del Covid-19

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.22″][et_pb_row _builder_version=”3.25″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_text _builder_version=”4.3.2″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” hover_enabled=”0″]

In occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, Progeu ospita un incontro online dal titolo “La violenza di genere ai tempi del Covid-19” per mettere in risalto le implicazioni dell’emergenza sanitaria sull’emergenza della violenza di genere.

 

Secondo i dati ISTAT, le richieste di aiuto al 1522 – il numero messo a disposizione dal Dipartimento delle Pari Opportunità per sostenere e aiutare le vittime di violenza di genere e stalking – sono aumentate durante il lockdown di marzo e aprile di quest’anno.

A livello globale 1 donna su 3 ha subìto forme di violenza di genere e la violenza domestica è il fenomeno più incidente. Le misure di contenimento della pandemia di Covid-19, come il distanziamento sociale e il confinamento, aumentano quindi la probabilità di rischio per le donne e le ragazze conviventi con partner violenti. Le istituzioni internazionali, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità all’Unione Europea, hanno più volte fatto appello ai governi affinché tengano in considerazione questa emergenza dentro l’emergenza e attuino le misure necessarie a non lasciare sole le donne.

La sensibilizzazione e l’informazione sono importanti strumenti per prevenire i casi di violenza e comunicare attivamente dove e come le persone colpite possono ottenere aiuto. Per questo, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Progeu, associazione di promozione sociale attiva nel campo dello sviluppo e delle politiche europee, organizza un incontro per affrontare la questione da diverse prospettive: quella delle strategie globali ed europee messe in campo, quella legale e quella delle reti di assistenza nel territorio.

Durante l’incontro si avvicenderanno voci autorevoli che permetteranno di analizzare il problema da diversi punti di vista. Interverranno: Federica Merenda – Dottoranda di ricerca in Filosofia Politica e Diritti Umani; Marcella Pirrone – D.i.Re – Donne in Rete contro la violenza e Presidente di WAVE – Women Against Violence Europe; Patrizia Surace – Giudice Onorario del Tribunale dei Minori di Reggio Calabria, Consigliera del Direttivo UNICEF Italia e docente dell’Università della Calabria; Cinzia Calabrese – Presidente Associazione Italiana degli Avvocati per la Famiglia e i minori; Alessandra Pauncz – Presidente Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti CAM Firenze; Suor Maria Letizia Dei – Casa di accoglienza Fraternità della Visitazione; Francesca Cordaro – CrowdAid; Eleonora Borrelli – Ebit – Scuola di Formazione per la Pubblica Amministrazione.

 

L’evento si terrà mercoledì 25 novembre alle or 09:30 e sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook di Progeu.

Maggiori dettagli sono disponibili al seguente link: https://fb.me/e/5uYb4UCAH

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row column_structure=”1_2,1_2″ _builder_version=”4.3.2″][et_pb_column type=”1_2″ _builder_version=”4.3.2″][et_pb_image src=”https://progeu.org/wp-content/uploads/2020/11/1.png” _builder_version=”4.3.2″][/et_pb_image][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_2″ _builder_version=”4.3.2″][et_pb_image src=”https://progeu.org/wp-content/uploads/2020/11/2.png” _builder_version=”4.3.2″][/et_pb_image][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]